Recensione Osteria La Trombettiera (lactosefree.it)

Osteria La Trombettiera

Un giardino affacciato sulla tradizione salentina

OSTERIA LA TROMBETTIERA, Maglie (LE)

Vi è mai capitato di voler essere in qualunque altro posto tranne che dove siete?

Ecco, a La Trombettiera, da Lucio Nicolardi, accade esattamente il contrario: non appena entri, non vorresti più essere in nessun altro posto tranne che lì.

Dalla strada, a vedere l’insegna da lontano, che a me in verità pare così romantica e genuina, vi parrà forse di primo acchito un posto anonimo: “Osteria” si legge sul legno scuro. Ma se vi avvicinate e poi vi fermate di fronte all’entrata e sbirciate oltre quel varco, dal marciapiede opposto, un muro in pietra decorato da piante e gli scorci di una piccola piazza vi insinueranno la curiosità ad entrare e… varcata la soglia… la gioiosa meraviglia si impossesserà di voi.

Tavoli familiarmente imbanditi disposti tra gli alberi, le file di luci legate da un ramo all’altro, le voci spensierate dei commensali…

Qual è il tavolo migliore? “Sotto al pruno” vi risponderà Lucio. E da lì, ma in verità da qualunque altro tavolo, sarete liberi di rilassare corpo e mente e farvi coccolare da buon cibo e buon vino.

La genuina e confortevole semplicità qua è di casa: una gigante simpatica lavagna con i piatti del giorno bianco su nero. Sì, una lavagna, perché il menù varia in base al raccolto di stagione: freschezza e qualità sono una garanzia! I nomi dei piatti poi parlano da sé, e lì, da quella lavagna, già capirete di essere giunti in un piccola piazza giardino affacciata sulla tradizione.

Tutto, infatti, alla Trombettiera profuma di tradizione; la simpatica e cordiale schiettezza e professionale fraternità del titolare (che ti fa sentire a tuo agio e ti “coccola” con mille attenzioni e premure), in perfetto stile ospitalità salentina, e il cibo… mille profumi, colori e gusti che il “made in Salento” te lo fanno entrare dentro.

Le mie serate lì sono state una sorta di cena narrante, perché se glielo chiedi, Lucio le portate te le racconta e, coltello, pane e peperonata alla mano, ti spiega ad esempio come un tempo i contadini preparavano all’alba la colazione da mangiare a metà mattina: mezza “pagnotta” svuotata dalla mollica, riempita di peperonata, poi richiusa con la mollica stessa. Il pane si insaporiva, ammorbidito e imbevuto dal sugo dei peperoni… Ecco rievocata la consuetudine antica, e allora poi “pane e peperonata” lo gusti ancor di più.

Che poi non va bene chiamarlo pane, no, stiamo parlando della pucciaè questa la tipica pagnotella salentina. Alla Trombettiera la trovate nella versione “uliata”, ossia con le olive nere, fatta e servita come tradizione vuole, ossia usando le olive con tutto il nocciolo, perché in questo modo le olive, restando intere, risultano più morbide e saporite, non rilasciando il loro “succo” in cottura a tutta la mollica. E la molta mollica è la caratteristica principale della puccia. Una volta farcita, pane olive e ripieno (verdure e magari un po’ di ricotta forte) diventano un pasto davvero completo.

Ovviamente la puccia è solo uno dei tantissimi piatti tipici che potrete assaggiare: ci sono le lumache (monicèddhi) e mangerete di gran gusto gli mbruscadizzi (involtini con interiora di agnello), tutti da provare.

Accompagnate il primo sorso di vino locale con le pittulefrittelle di pasta lievitata. Non mancheranno mai su una tavola salentina: se originariamente si preparavano l’11 novembre, per la festa dell’Immacolata, quando era pronto il vino novello e l’accostamento era di buon auspicio, ora spesso sono servite come “antipasto”, ottime sia calde che fredde, che siano “bianche” o con verdure, oppure per accompagnare le cozze o i fiori di zucca fritti.

Immancabili anche le friselle , “morte loro” con pomodori e rucola e una bella condita di olio, ovviamente dopo averle bagnate in acqua.

In Salento non esiste il vero e proprio concetto di antipasto, chiedete degli assaggi misti: il “di tutto un po’ ” vi farà venire voglia di … anche un po’ di primi e secondi.

Vi presento qua solo alcuni dei piatti che potete trovare alla Trombettiera, ma poi fatevi consigliare da Lucio, che saprà soddisfare ogni vostro gusto e desiderio.

Ah già, siete intolleranti al lattosio?

La tradizione salentina, ricca com’è di piatti di verdure, elimina il problema quasi alla radice. Magari bisogna rinunciare al dolce, ma con tutte le prelibatezze che avrete assaggiato non ne sentirete la mancanza ed eventualmente potete sempre chiudere il pasto con un goccio di limoncello fatto in casa.

Francesca

(Fonte e articolo completo: https://www.lactosefree.it/osteria-la-trombettiera/ )